Pillola del 218° giorno – Apatia

Mi infilo a letto più per combattere il freddo che per reale stanchezza. Il fantastico sistema di riscaldamento centralizzato mantiene la temperatura a 20 gradi ma la mia stanza è come uno stato a parte…il termosifone è a malapena tiepido, ce ne saranno 15 qua dentro, entrare nelle altre stanze è come fare un viaggio ai tropici. Ho gettato i vestiti a caso sulla sedia…ho problemi a piegare le cose, soprattutto le magliette…sembrano dei fazzoletti sporchi post influenza e poi, rimettere tutto dentro un armadio, sembra una partita a Tetris che finisce male…le cose non si incastrano quindi preferisco accumulare su ogni superfice di legno a cui darei fuoco volentieri oggi, che fuori c’è il ghiaccio e cerca di entrare nella stanza e poi nelle ossa.

Tenterò di dormire, sono sopraggiunti pensieri quest’ultima mezz’ora, pensieri del tipo che ti rovinano la serata, ti fan passare anche la voglia di accumulare caratteri su fogli virtuali…lo so che si nota, non posso farci nulla. Avevo scritto quattro inizi diversi, qualche riga su ognuno…ma ho cancellato tutto quanto…mancava tutta la parte di mezzo, figuratevi arrivare ad un finale.

Almeno adesso ce l’ho in mente la fine. Io che spengo la Tv, butto il cellulare nel cassetto tra mutande e magliette, mi giro dalla parte dell’orecchio mezzo sordo, pancia in giù e che provo a dormire.

Non riuscendoci.


Scrivi la tua reazione allergica